In anteprima le modifiche alle NTC

Data: 19/11/2014 / Inserito da: / Categorie: Senza categoria / Commenti: 1
Prima di ricevere le modifiche alle NTC e di capire bene la situazione, io e mio padre abbiamo identificato tutti i titoli che potrebbero essere suscettibili a eventuali correzioni. Una ventina. Niente di grave. Ho inviato diverse email a tutti gli autori e tutti più o meno hanno risposto alla stessa maniera.
Ma la lettera che merita di più la devo allegare qui.

Mentre aspetti il download delle NTC con relative modifiche,
puoi leggere queste parole e goderti l’attesa…

Pietro Cirone. Una persona per me mitologica. Cioè, esiste ma la sua personalità va ben oltre. È anche parecchio rompiscatole, uno che pretende che le cose vadano esattamente come dice lui, un ignegnere al 1000%. Riporto la sua risposta alla mia domanda “Dovremo aggiornare qualcosa dei suoi testi?”. Sottolineo che non ho dovuto correggere una virgola di quanto scritto nella sua email.

Il testo delle nuove NTC, approvato dal C.S.LL.PP., dovrà ancora superare il vaglio istituzionale stato-regioni. Vedremo.In ogni caso, per quanto riguarda i miei libri, tenga presente che sono stati scritti in base a criteri tecnico-scientifici del tutto generali, pochissimo o per nulla dipendenti da cambi normativi. Se col tempo vorrete farne delle nuove edizioni, potremo perciò ritoccarli non per i capricci della Normativa ma solo per un eventuale allargamento della platea dei contenuti. La verità è che Norme così pesanti come le NTC 2008 sono (a mio modesto ma fondato giudizio) poco adatte  al mondo professionale.

Un luminare di alcuni anni fa diceva in proposito che nel mondo delle costruzioni “il regolamento c’è per chi non si sa regolare”. Perché di questo passo – e la tendenza ormai c’è (vedi recente proposta di un Regolamento Edilizio Unico Nazionale) – potremmo anche finire magari con un “software di stato” uguale per tutti, come è già capitato di veder con qualche altra diavoleria burocratica tutta italiana. Sarebbe la fine. Io comunque, non volendo arrendermi a 65 anni suonati, spero (e siamo tantissimi in Italia) di sopravvivere ingegneristicamente anche ad eventuali altre restrizioni normative imposte da “paletti di stato”.

Mi pare tuttavia, dalle prime notizie, che le nuove NTC dovrebbero fare invece un passo indietro per quanto concerne i vincoli imposti in precedenza alle verifiche dei fabbricati esistenti. E, se è realmente così, allora vuol dire che si è forse incominciato a capire (e non sono il solo a pensarla così) che c’è una sola strada da percorrere con la Normativa: la DEREGULATION affiancata da un innalzamento della responsabilità del Progettista e del Direttore dei Lavori. Mi scusi se sono stato un po’ prolisso, ma Lei con la Sua attività è – nel panorama in cui ci muoviamo – un soggetto culturale pubblico molto importante.

Cordialmente P.C.
Non credo ci sia altro da aggiungere…
Torna indietro
  • giovanni

    nulla da dire, ma io ricordo l’insegnamento che predicava quando frequentavo alle prime armi uno studio di ingegneria un vecchio e saggio ingegnere (con i cotro ……) I TUOI PROGETTI VANNO IN MANO A GENTE CHE HA FATTO LA 1° ELEMENTARE E LI DEVONO CAPIRE ecco ciò che manca in tutto questo e spero di avere fatto capire qualche cosa

Clicky Analytics