SiculopediApp: tradizione, amore e nostalgia per la Sicilia in una APP

Data: 07/05/2014 / Inserito da: / Categorie: Sicilia e Dintorni / Commenti: 0

Attenzione: post ad alto grado di sicilianità! Per la lettura si consiglia un traduttore siciliano-restodelmondo. Se non sai come fare, continua a leggere, perché la soluzione te la dò io!

 

Puoi scaricare subito la App gratuita per iOS e per Android


Ho degli amici che hanno una missione ben precisa: diffondere il siciliano nel mondo.
Il siciliano è un esemplare diffusissimo in tutto il Pianeta Terra. Se consideriamo che i siciliani all’estero sono appena 663.776, che equivale al 17% del totale nazionale, quasi tutti, Tedeschi, Americani di New York e Parigini hanno un collega o un amico o un conoscente o un amico di un cugino che viene da una terra mitica, di cui gli abitanti sono soliti cantare come aedi di omerica memoria: la Sicilia.

I siciliani sono ovunque ma vorrebbero trovarsi in un solo posto, a casa. Proprio come me. Vorrebbero essere i protagonisti delle gesta della loro terra, non i semplici cantori. Purtroppo, storicamente, in Sicilia le opportunità sono poche o nulle. Ingegneri, architetti, medici, copywriter (ogni riferimento è puramente casuale) si armano di coraggio e decidono di lasciarla questa terra bella e maledetta alla ricerca di un futuro (migliore?).

E cosa fa il siciliano fuori sede?
Cerca di sicilianizzare tutto ciò che lo circonda. Ogni settimana fa lo sfincione, cucina la rosticceria, va a scartarsi ricette che forse manco sua nonna fa più, tanto sono vecchie e dimenticate. Per esempio, a me ieri è venuta l’insolita voglia di caramella alla carrubba e di farle in casa…
Insomma, la lontananza dall’Isola genera mostri di nostalgia e ricerca spasmodica delle tradizioni.
Anche se non sei andato mai al festino di Santa Rosalia e per 2o anni hai “santiato” contro le processioni che bloccano il traffico, improvvisamente il 14 luglio ti rammarichi di non poter essere a Palermo e adorare la Santuzza. Non so se ho reso l’idea di che meccanismi perversi si instaurano nel siciliano medio

Ma che c’entra tutto questo con il mio post di oggi? C’entra c’entra, anzi, “ci trasi”, eccome. Mi piace pensare che Rossana e Cettina Baldanza e Salvatore Grassadonia abbiano pensato anche a noi emigrati quando hanno deciso di dar vita a questo progetto. Ma andiamo per ordine e vediamo di cosa si tratta. Che queste sono cuosi i rumpiri.


Cosa è Siculopedia?
La missione del giovanissimo e simpaticissimo team di Siculopedia è chiara e semplice: diffondere la sicilianità in tutte le sue mille sfaccettature. O salse, che dir si voglia. Siculopedia è un progetto che nasce nel 2011 dall’amore per la Sicilia, per i suoi usi, i suoi costumi. E anche per quei vizi un po’ strampalati che tanto ci rendono simpatici agli occhi degli “stranieri” (per stranieri si intendono tutti quelli che vivono al di là dello Stretto di Messina).
Siculopedia è una libera interpretazione in forma ironica di termini e modi di dire propri del folklore siciliano.

La storia

In principio fu la pagina Facebook “Dal vocabolario siciliano italiano dicesi” poi evolutasi nell’attuale pagina Facebook di Siculopedia, riuscendo nel giro di pochi mesi a raggiungere 30.000 likers. Oggi conta più di 40.000 likers e un engagement da fare invidia alle grandi pagine.
Poiché il pubblico fin dall’inizio si è palesato eterogeneo, sia per età che per occupazione e sesso, si è capito che il target a cui si poteva aspirare non era solo quello dei ragazzi siciliani, ma molto più ampio. Perché noi siciliani sappiamo essere lungimiranti, quando lo vogliamo. Quindi il passo per fare diventare Siculopedia – come dicono loro – un’opera folk multimediale a 360° è stato breve.

Successivamente quindi Rox, Sal e Cet – perché hanno anche i nomi d’arte, mica si babbìa! – hanno creato il sito web per dare la possibilità anche a quelli che non sono iscritti a Facebook di poter usufruire “a bello cuore” dei suoi contenuti.
Il motivo principale per cui si è deciso di dare vita al sito internet era per facilitare la ricerca delle definizioni, raggiungendo la media di 1000 visitatori unici al giorno. Che non è poco (picca). Per niente.
Fino ad oggi sono state pubblicate oltre 250 definizioni che comprendono termini, modi di dire e cibo tipico siciliani. Una vera enciclopedia in divenire, in pieno stile 2.0. Come piace a me.

Ma Siculopedia non è solo una community virtuale. Dal 2013, forti del successo del sito e della partecipazione ad un evento offline, si è costituita l’associazione culturale Siculopedia che si prefigge di diffondere la cultura siciliana in ogni suo aspetto lingua, usi, costumi, cucina sia online che offline.


E venne l’App

Oltre alla presenza sui social network e al sito web, il 12 aprile 2014 si è aggiunta l’applicazione per iOS programmata da Salvatore Lopes. Ciò vuol dire che al momento SiculopediaApp la possono usare solo i seguaci della mela. Ma Sal mi ha confidato (e giurato) che sta studiando per mettere a punto la versione per il sistema operativo Android, dobbiamo solo avere un po’ di pazienza.
[Ci spicciamo?]


SiculopediApp è una app molto snella e intuitiva, può aiutare turisti curiosi che vogliono avere un’esperienza antropologica completa o semplicemente per capire cosa sta cercando di dirgli il panellaro [colui che vende le panelle, tipico cibo di strada palermitano, se non le conosci non sai che ti perdi].

Ma potrebbe risultare persino utile ai milanesi che si ritrovano a interagire con i millemila siciliani che hanno invaso il mondo del lavoro e che si ostinano a dire “m’abbuttò!”, convinti che sia un’esclamazione di universale comprensione. Quando agli amici non isolani basterebbe dire una semplicissima formuletta per ottenere la traduzione: Parla potabile!

Insomma, potenzialmente questa App potrebbe inaspettatamente migliorare la vita sociale di molti.

Il cibo per il siciliano ha un valore mistico, specie se di strada (come avrai intuito dalla mia frase precedente): per questo la App ha una sezione interamente dedicata allo street food per conoscerne gli effetti sul nostro corpo e sul nostro umore.

Le funzionidi SiculopediApp:
  • Categorizzazione dei temi per un facile reperimento delle terminologie e delle frasi (Amore, Guerra, A tavola, Clima, Tempo libero, Comunicazione, Filosofia, Se li conosci li eviti, Comportamento, Traffico, Healthcare).
  • Collegamento a Youtube per offrire anche il reading delle definizioni realizzati da Mago Miriddu, telecronisa ufficiale degli highlights delle partite del Palermo Calcio

Dal rilascio della App a oggi – quindi in poco meno di un mese – è stata scaricata da 1080 utenti. Ci sarà anche un motivo per cui SiculopediApp è stata selezionata da Apple per stare stabilmente in prima pagina della categoria intrattenimento di App Store, no? Aspettiamo la masculiata (giochi di artificio finali) per quando arriverà la versione per device Android!

Aggiornamento del 12 maggio 14: ieri è stata rilasciata la versione di SiculopediaApp anche per Android! Io l’ho già scaricata! :)
Torna indietro

I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti attraverso una piattaforma esterna (Disqus). Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy