10 domande a Daniele Di Leo, autore di “Agitare prima dell’uso”

Data: 09/11/2017 / Inserito da: / Categorie: Mondi e Culture / Commenti: 0

Il 13 novembre uscirà in libreria il primo romanzo di Daniele Di Leo, “Agitare prima dell’uso”, brillante giallo umoristico partorito da un autore dalla penna, anzi, dal tweet affilato. Di Leo, in arte “Zip” gode di una sequela di follower sui social network, soprattutto grazie alla sua ironia, che traspare da ogni post, da ogni frase, presa e scagliata come una freccia dritto verso il bersaglio.

 

In queste 10 domande a Daniele Di Leo scopriamo qualcosa in più sul suo nuovo libro, ma soprattutto, su cosa si prova ad essere uno scrittore, ad essere Zip, ad essere semplicemente Daniele.

 

1 –   Dei libri che hai letto, quali vorresti aver scritto e perché?

 

Una volta la letteratura per ragazzi era composta quasi unicamente da libri lacrimevoli tipo “Incompreso” o “Cuore”. Sono riuscito ad uscire da questa spirale di letture deprimenti quando ho scoperto “Bar sport” di Stefano Benni. Quel giorno mi son detto: “Questo è ciò che voglio leggere e, se ci riesco, anche scrivere”.

 

 

2 –   In ogni romanzo, ciascuno di noi, trova qualcosa di diverso. Quale libro ti ha trasmesso più emozioni e per quale motivo?

 

I romanzi che non trasmettono emozioni sono quelli che giacciono nel cimitero dei libri mai finiti di leggere.

 

 

3 -  Ci sono scrittori che scrivono di getto ed altri che hanno una trama ben precisa in mente. A quale categoria pensi di appartenere?

 

Parto dalle idee e poi cerco di inserirle in una struttura narrativa coinvolgente e possibilmente anche divertente.

 

 

4 -  Pensa, ancora una volta, ai libri che hai letto. Quale personaggio vorresti essere?

 

Troppo facile rispondere il protagonista del “Kama Sutra”. A parte gli scherzi, vorrei essere Arthur Dent, il protagonista di “Guida galattica per gli autostoppisti” e scoprire perché la risposta è 42.

 

 

5 -  Nel tuo primo libro giallo “Agitare prima dell’uso” non manca la narrazione umoristica. Scrivi anche per alcuni siti web umoristici, come Spinoza.it, utilizzando lo pseudonimo Zip. Che importanza ha l’ironia nel tuo stile e nella vita?

 

Da quando ho iniziato a scrivere testi umoristici o, semplicemente, battute, guardo la realtà da un’angolazione diversa. A me ha fatto molto bene anche dal punto di vista psicologico e vorrei trasmettere questa consapevolezza a chi legge i miei libri, perché una risata non allunga la vita ma sicuramente la migliora.

 

 

6 –   3 parole per descrivere il tuo romanzo d’esordio

 

Utilizzo le tre parole del sottotitolo: Giallo sui generis.

 

7 -  Quali sono i tuoi progetti futuri in qualità di scrittore?

 

Vorrei completare la trilogia del commissario Aliberti, che ho già in mente e spero di trasferire su carta.

 

 

8 – Dalla quarta di copertina del tuo libro: “Un libro è come una scatola prodigiosa in cui le parole se ne stanno nascoste e posizionate come piace a loro”. Come hai scelto le parole da usare, nel tuo libro? Ti lasci guidare dall’istinto o pesi ogni termine?

 

Sì, mi piace pensare che quando un libro è chiuso, le parole vivano di vita propria: gli avverbi fanno comunella con gli aggettivi, le parole tronche invidiano la lunghezza delle bisdrucciole, i termini rari fondano un club esclusivo e così via. Io mi limito semplicemente a suggerire alle parole come disporsi quando il libro viene aperto dal lettore.

 

 

9 –   A chi consiglieresti il tuo libro “Agitare prima dell’uso”?

 

Agli appassionati di polizieschi e a chi piace la scrittura umoristica; ma anche a chi ha voglia di scoprire Salerno, la città in cui è ambientata la storia.

 

 

10 – Un sorriso, prima di salutarci: scrivi qualcosa di getto, come sai fare tu.

 

Amatevi! Perché come disse Brooke in Beautiful: “L’amore è eterno. Almeno fino alla prossima puntata”.

 

 In “Agitare prima dell’uso” ciascuno troverà qualcosa di diverso: ci sarà chi troverà la storia del commissario Alberti, refrattario al matrimonio, ma ci sarà anche chi verrà travolto dalla storia di due sorelle che cercano il vero amore senza trovarlo.

E tu, cosa ci troverai? Sfoglia l’anteprima gratuita cliccando qui e …agita prima dell’uso!

 

Seguici sul nostro canale social su Facebook: Dario Flaccovio – Varia

Ti offriamo ciò che meriti: buon cibo per l’anima.

Torna indietro

I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti attraverso una piattaforma esterna (Disqus). Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy