Direzione lavori: i controlli e le prove obbligatorie per il direttore dei lavori

Data: 17/01/2018 / Inserito da: / Categorie: Informazione Tecnica / Commenti: 0

È all’esame del Parlamento la bozza del decreto relativo alle funzioni del direttore dei lavori.

A fine dicembre 2017 il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ha trasmesso la richiesta di parere parlamentare sullo schema di DM concernente le modalità di svolgimento delle funzioni del direttore dei lavori e del direttore dell’esecuzione dei contratti relativi a servizi o forniture.

L’architetto Salvatore Lombardo esprime in questo articolo le sue riflessioni circa le novità apportate dal decreto del MIT (Regolamento sul direttore dei lavori), con riferimento in particolare all’articolo 8 del suddetto decreto, recante le procedure di accettazione dei materiali e dei prodotti.

Lasciamo spazio alle argomentazioni e ai rilievi critici dell’architetto Salvatore Lombardo, la cui ampia bibliografia è consultabile cliccando qui.

Il decreto in questione, in attuazione dell’art. 111, comma 1, del Codice dei contratti riguardo all’accettazione dei materiali, apporta delle novità significative rispetto alla normativa precedente in particolare dell’art. 167 (Accettazione, qualità ed impiego dei materiali) del Regolamento n. 207/2010, in parte abrogato.

Tali adempimenti incrementano le responsabilità del Direttore dei Lavori ma anche del Progettista che ha predisposto il Capitolato speciale d’appalto per l’esecuzione delle prove e soprattutto la somme a disposizioni sufficienti per eseguire tali controlli da parte dei Laboratori ufficiali op autorizzati di cui all’art. 59 del D.P.R. n. 380/2001.

Le procedure di accettazione dei materiali e dei prodotti sono descritte dall’art. 8 del decreto del MIT, ovviamente da coordinare con quelle eventualmente più restrittive del Capitolato speciale d’appalto, fermo restando i controlli d’accettazione obbligatori e imprescindibili per i materiali strutturali stabiliti dal Cap. 11 delle Norme tecniche per le costruzioni.

Direzione lavori: rilievi critici sull’art. 8


Su questo ultimo rilevante aspetto il Testo chiarisce ed evidenzia che il controllo d’accettazione non equivale ad acquisire i certificati di prova, relativi alle miscele omogenee di calcestruzzo o alle partite d’acciaio, rilasciati dal Laboratorio ufficiale prove dopo l’esecuzione delle prove.

Nel manuale “Controlli in cantiere del direttore dei lavori”  è spiegato con esempi numerici la corretta esecuzione del controllo d’accettazione dei materiali strutturali. Per meglio rendere l’idea dell’importanza delle nuove norme si riportano fedelmente i commi attinenti i controlli d’accettazione previsti dal citato art. 8:

«1. Il direttore dei lavori provvede all’accettazione dei materiali, verificando che i materiali, i prodotti e i sistemi da porre in opera corrispondano alle prescrizioni prestazionali contenute nel progetto allegato al contratto e, in particolare, a quelle del capitolato speciale d’appalto, nonché ai contenuti dell’offerta, accertandone altresì la conformità, ove applicabile, a quanto disposto dalle pertinenti norme nazionali ed europee.

2. Il direttore dei lavori, oltre a quelli che può disporre autonomamente, esegue altresì, obbligatoriamente, tutti i controlli e le prove previsti dalle vigenti norme nazionali ed europee e dal capitolato speciale d’appalto.

5. Il direttore dei lavori o l’organo di collaudo possono disporre prove o analisi ulteriori rispetto a quelle previste dalla legge o dal capitolato speciale d’appalto finalizzate a stabilire l’idoneità dei materiali o dei componenti e ritenute necessarie dalla stazione appaltante, sulla base di adeguata motivazione, con spese a carico dell’esecutore.»

Le disposizioni del comma 5 comporteranno sicuramente contestazioni da parte dell’esecutore con inevitabile apposizione di riserve, circa le motivazioni di supporto da parte del Direttore dei Lavori o l’Organo di collaudo tecnico-amministrativo.

Direttore dei lavori: in arrivo le norme attuative


La Commissione Ambiente della Camera dovrà esprimere il parere entro il 29 gennaio 2018, rimaniamo pertanto in attesa di nuovi e importantissimi sviluppi in materia.

Resta sempre aggiornato sulle novità in materia e nel settore, continua a seguirci sulla pagina Facebook Dario Flaccovio Editore e non perdere le novità editoriali dell’anno: in cantiere c’è anche la preparazione di una nuova e attesissima edizione aggiornata del libro di Salvatore Lombardo “Controlli in cantiere del direttore dei lavori”.
Torna indietro

Il servizio di commenti è offerto attraverso una piattaforma esterna. Prendi visione delle condizioni di utilizzo del fornitore e leggi la nostra informativa privacy prima di inserire il tuo commento