Edilizia libera: ecco i lavori da fare in casa senza autorizzazioni

Data: 08/05/2018 / Inserito da: / Categorie: Informazione Tecnica / Commenti: 0

Con queste temperature decisamente più gradevoli, il sole tiepido sul viso e la diminuzione delle piogge, si ha un input ulteriore per fare tutti quei lavoretti in casa che, solitamente, si rimandano a causa del freddo e delle precipitazioni.

 

Come dobbiamo muoverci se abbiamo intenzione di realizzare quel muretto che sogniamo da tanto tempo? E per quello splendido gazebo da sfruttare per le cene con gli amici durante le serate estive?

 

Oggi ti parlerò di tutti i lavori da fare in casa senza autorizzazioni, vediamo cosa prevede la legge e le novità introdotte nel settore dell’edilizia libera!

 

Ebbene, dal 22 aprile è entrato in vigore il glossario unico nazionale per i piccoli lavori edilizi da realizzare in abitazioni o attività produttive senza particolari autorizzazioni.

 

Si tratta dell’effetto del decreto 2 marzo 2018 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (di concerto con il ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione), recante “Approvazione del glossario contenente l’elenco non esaustivo delle principali opere edilizie realizzabili in regime di attivita’ edilizia libera, ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 25 novembre 2016, n. 222”.

 

Si mette ordine, così, nelle molteplici interpretazioni sul suolo italiano della legge che autorizza diversi lavori ad essere realizzati senza permessi, sempre nel rispetto delle leggi in materia.

 

Il decreto delinea le categorie di intervento e un elenco non esaustivo delle 58 principali opere che possono essere realizzate in edilizia libera, allegando una tabella di facile utilizzo per cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni.

 

In poche parole, il glossario unico attua una semplificazione: attribuisce un nome agli interventi che fanno parte delle categorie individuate dal Decreto Scia 2 e riporta il relativo titolo abilitativo.

 

Cambia davvero qualcosa per l’installazione di gazebo, tende, pergole, ascensori e la realizzazione di piccoli interventi?

 

Ecco alcuni esempi da esaminare per capire bene cosa cambia:

  • manutenzioni ordinarie“:
  • eliminazione delle barriere architettoniche“: 
  • aree ludiche ed elementi di arredo delle aree di pertinenza“: 
  • opere contingenti temporanee

 

Vediamo i singoli casi nel dettaglio:


Edilizia libera: manutenzioni ordinarie

 

Il Decreto Scia 2 dava solo una definizione, ma non consentiva di capire quali fossero le singole attività che vi rientrino realmente.

Il rifacimento dell’intonaco esterno come va considerato? Il glossario ha dipanato ogni dubbio, analizziamo quindi le attività ricomprese nella categoria.

Vi rientrano interventi edilizi come le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici, quindi pavimentazioni, intonaci, rivestimenti, serramenti e infissi, inferriate o quelle necessarie a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici.

 

Eliminazione delle barriere architettoniche

Nella “eliminazione delle barriere architettoniche” non servono permessi per installazioni e manutenzioni degli ascensori interni e montacarichi che non incidano sulla struttura portante, rampe, apparecchi sanitari, impianti igienici e idro-sanitari.

 

Il nostro testo Interventi edilizi nel condominio” rappresenta un fedele alleato, in tal senso, perché affronta le diverse problematiche che si possono presentare al tecnico in edificio condominiale con particolare attenzione, tra l’altro, proprio verso la necessità di attuare interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

 

Aree ludiche ed elementi di arredo delle aree di pertinenza

In edilizia libera, rappresentano le opere senza fini di lucro, relative a fontane, piccoli muretti, fioriere, barbecue in muratura, panche, gazebo di limitate dimensioni e non stabilmente infissi al suolo, giochi per bambini, pergolati di limitate dimensioni e non stabilmente infissi al suolo, ricoveri per animali domestici, ripostigli per attrezzi e manufati accessori di limitate dimensioni e non stabilmente infissi al suolo, stalli per biciclette, tende, coperture leggere di arredo.

 

Opere contingenti temporanee

Il glossario specifica, inoltre, per le “opere contingenti temporanee” di maggiori dimensioni, come gazebo o stand, che l’installazione va effettuata previa comunicazione avvio lavori, mentre manutenzioni e rimozioni sono in edilizia libera.

 

Il regime giuridico sarà omogeneo su tutto il territorio nazionale, fermi restando il rispetto delle prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e di tutte le normative di settore sulle attività edilizie e, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica, di tutela dal rischio idrogeologico, delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio.

 

Quando verrà completato il glossario unico?

 

In relazione alle opere edilizie realizzabili mediante Cila, Scia, permesso di costruire e Scia in alternativa al permesso di costruire, è demandato a successivi decreti da adottare con le stesse modalità.

 

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è avvenuta a seguito dell’acquisizione dell’intesa della Conferenza Unificata avvenuta lo scorso 22 febbraio 2018.

 

Consulta il glossario integralmente!

 

Per quel che riguarda la regione Sicilia, abbiamo appena pubblicato Edilizia in Sicilia: dall’attività libera al permesso di costruire un testo che sintetizza in un unico documento informazioni, precetti e aggiornamenti in materia di disciplina urbanistico-edilizia in Sicilia alla stregua del recente scenario normativo introdotto con la Legge Regionale (sul campo della disciplina delle trasformazioni del territorio, infatti, non esiste una vera raccolta di norme con contenuti prettamente edilizi).

 

Dal 22 aprile, come abbiamo potuto appurare, niente più burocrazia, nei casi elencati non saranno più richieste comunicazioni preventive al Comune. Il Glossario ha decisamente semplificato la vita di chi ha intenzione di apportare miglioramenti alla propria casa, ti consiglio quindi di verificare se i piccoli interventi casalinghi a cui hai pensato rientrano nel suo elenco. E buon lavoro!

 

Torna indietro

Il servizio di commenti è offerto attraverso una piattaforma esterna. Prendi visione delle condizioni di utilizzo del fornitore e leggi la nostra informativa privacy prima di inserire il tuo commento