Domotica e Ecobonus: la rivoluzione è in atto

Data: 24/05/2018 / Inserito da: / Categorie: Informazione Tecnica / Commenti: 0


Fino al 31 dicembre 2018 è prevista una detrazione fiscale del 65% per l’installazione e messa in opera di termostati intelligenti e altri dispositivi di building automation, più in generale, per interventi di efficientamento energetico.

Tutto ciò, è noto come “Ecobonus” e in realtà è una proroga concessa dal Governo, dato che lo strumento era già stato previsto e introdotto.

Domotica e Ecobonus costituiscono un connubio significativo, che ci indica un percorso preciso: quello di una rivoluzione già in atto.

 

Da quanto tempo valuti di munirti in casa di tapparelle che si abbassano sole, luci che si accendono e riscaldamento regolabile con un pulsante solo? Tutto ciò ormai è realtà, semplificando la nostra vita quotidiana e con un impatto importante sulle bollette!

 

Sarà possibile, ad esempio, realizzare il miglioramento termico dell’edificio con coibentazioni, nuovi pavimenti, finestre e infissi.

Si parla tanto dell’installazione di pannelli solari che, nel breve periodo comportano spese consistenti, ma nel lungo periodo evidenziano risparmi sostanziosi. Anche questo tipo di interventi è contemplato nell’agevolazione!

 

E ancora, l’impianto di climatizzazione risale all’età neolitica? Potrai sostituirlo usufruendo di incentivi, cosi come sarà agevolata anche la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o interventi di domotica, ossia installazione di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento.

 

Rientrano nelle detrazioni pure l’acquisto dei materiali e le prestazioni professionali; per i condomìni si parla di sconto anche del 75%, con l’opzione della cessione del credito fiscale da parte dei condomìni incapienti a banche e istituti di credito.

 

Non è finita qui: per permettere alle famiglie con redditi bassi di effettuare i lavori, la Legge di Bilancio ha istituto anche l’apposito Fondo nazionale per l’efficienza energetica.

 

Chi può accedere a questi interessanti incentivi, per quali edifici e, soprattutto, quali sono le spese agevolabili?

 

Scopriamolo insieme con l’aiuto della Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).

 

 

Domotica e Ecobonus: chi può accedere

Tutti i contribuenti che:

  • sostengono le spese di riqualificazione energetica;
  • posseggono un diritto reale sulle unità immobiliari costituenti l’edificio;

È possibile per tutti i contribuenti, in luogo delle detrazioni, optare per la cessione del credito.

Per quali edifici

Alla data della richiesta della detrazione, devono essere “esistenti” ossia accatastati o con richiesta di accatastamento in corso e in regola con il pagamento di eventuali tributi; devono essere dotati di impianto termico.

 

Ecobonus: requisiti 

Deve configurarsi come fornitura e messa in opera, nelle unità abitative, di dispositivi che consentano la gestione automatica personalizzata degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda sanitaria o di climatizzazione estiva, compreso il loro controllo da remoto attraverso canali multimediali. I dispositivi devono:

 

  • mostrare attraverso canali multimediali i consumi energetici, mediante la fornitura periodica dei dati;
  • mostrare le condizioni di funzionamento correnti e la temperatura di regolazione degli impianti;
  • consentire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto.


Spese agevolabili

  • fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature elettriche, elettroniche e meccaniche nonché delle opere elettriche e murarie necessarie per l’installazione e la messa in funzione a regola d’arte, all’interno degli edifici, di sistemi di building automation degli impianti termici degli edifici. Non sono ricomprese tra le spese ammissibili, l’acquisto di dispositivi che permettono di interagire da remoto con le predette apparecchiature, quali telefoni cellulari, tablet e personal computer o dispositivi similari comunque denominati.
  • spese per le prestazioni professionali necessarie alla realizzazione degli interventi nonché della documentazione tecnica necessaria.

Documentazione da trasmettere all’ENEA

La documentazione da trasmettere è quella che segue: “scheda descrittiva dell’intervento”, da inoltrare esclusivamente attraverso l’apposito sito web relativo all’anno in cui sono terminati i lavori, entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori, come da collaudo delle opere.

Occorre conservare la seguente documentazione:

1 – Di tipo tecnico: l’asseverazione redatta da un tecnico abilitato che attesti la rispondenza ai requisiti tecnici richiesti oppure la certificazione del produttore (o fornitore o importatore) del dispositivo che attesti il rispetto dei medesimi requisiti. E inoltre:

 

  • originale della documentazione inviata all’ENEA, debitamente firmata;
  • schede tecniche  
2 – Di tipo amministrativo:
  • fatture relative alle spese sostenute;
  • ricevuta del bonifico bancario o postale, che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge finanziaria 2007, il numero e la data della fattura, i dati del richiedente la detrazione e i dati del beneficiario del bonifico;
  • ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa.
L’idea di una casa intelligente nasce per soddisfare più esigenze, tra le altre, la necessità di usufruire di maggiore sicurezza nelle nostre abitazioni e di avere maggiore efficienza, comunicazione, oltre che notevole risparmio energetico.
Con la domotica si può personalizzare al massimo ogni angolo della propria casa, basti pensare alla possibilità di scegliere una temperatura diversa per ogni locale, modulandola in base alle esigenze di ciascuno: i bambini in cameretta potranno godere di una temperatura più calda e accogliente, mentre chi lavora o è impegnato nelle faccende domestiche sceglierà di regolare il climatizzatore  in base alle proprie esigenze.
Riduzione dei consumi, gestione intelligente di ogni spazio, risparmio in bolletta. Domotica e Ecobonus: la rivoluzione è in atto.

 

Torna indietro

Il servizio di commenti è offerto attraverso una piattaforma esterna. Prendi visione delle condizioni di utilizzo del fornitore e leggi la nostra informativa privacy prima di inserire il tuo commento