NTC 2018: gli aspetti geotecnici previsti dalle Nuove Norme Tecniche

Data: 14/02/2019 / Inserito da: / Categorie: Informazione Tecnica / Commenti: 0

Le NTC 2018 prevedono varie novità relative all’ambito geotecnico, volte in particolare a snellire e semplificare da un punto di vista interpretativo e, al contempo, consentire una visione unitaria della progettazione.  Le novità sono state apportate al capitolo Geotecnica in ambito statico (capitolo 6) e sismico (capitolo 7) .

 

Quali sono gli aspetti che interessano i campi della geologia e della geotecnica?

 

NTC 2018 : novità in ambito geotecnico

Analizzando innanzitutto il capitolo 6 dedicato alla Progettazione geotecnica, quindi alle opere geotecniche e alle metodologie di calcolo di queste ultime, si nota che nell’ambito delle verifiche agli SLU, sono stati eliminati i doppi approcci progettuali AP1 e AP2 che erano previsti nelle NTC 2008 e che avevano creato non pochi dubbi.

 

Entrando nello specifico, è stato conservato il solo AP2 per tutte le opere in progetto, ad eccezione per le paratie e le gallerie, ove è stato mantenuto l’AP1. Il capitolo 6 prevede anche un paragrafo sui pali in gruppo, in cui viene definita la resistenza caratteristica della palificata che deve essere calcolata come somma delle resistenze caratteristiche dei singoli pali, tenendo conto, però, di eventuali effetti riduttivi di gruppo.

 

Sono state apportate modifiche anche per quanto riguarda importanti puntualizzazioni legate alle fondazioni miste nel cui ambito i pali possono svolgere la funzione di piena partecipazione alla stabilità globale e alla capacità portante ultima o avere funzione di soli riduttori di cedimenti. Per il primo caso la norma precisa che le verifiche agli SLU devono essere svolte per la fondazione mista, sia a breve che a lungo termine, sommando la capacità portante di piastra di fondazione e di pali e dividendo la resistenza totale per il coefficiente R3 (gR=2.3 per carico limite  e gR=1.1 per scorrimento).

 

Il progettista nella progettazione geotecnica

 

Il progettista deve definire il piano delle indagini geotecniche e, sulla base dei risultati ottenuti, individuare i modelli geotecnici di sottosuolo più appropriati alla tipologia di intervento o opera, tenendo in considerazione sia le tecnologie che le modalità costruttive previste.

 

Distinguendo poi indagini per definire il modello geologico e indagini geotecniche, si noti come sostanzialmente riguardano aree e volumi differenti: le prime sono relative ad aree e volumi più ampi, le seconde più contenute.

 

Individuato il quadro geologico, le indagini geotecniche vengono programmate dal progettista sulla base della conoscenza dell’opera e dei suoi possibili stati limite.

 

Verifiche in campo sismico


Per quanto riguarda le verifiche in campo sismico, la modifica più importante introdotta dalle NTC 2018 riguarda l’uso di fattori parziali unitari sulla resistenza del terreno.

 

In precedenza tali valori erano quelli corrispondenti prescritti per le condizioni statiche. In alcuni casi ciò rendeva impossibile l’impiego di alcune tipologie di fondazioni come quelle superficiali, che in generale risultavano decisamente antieconomiche.

 

Il nuovo testo dell’ingegnere Faustino Cetraro Approccio geotecnico sugli effetti della risposta sismica localeaggiornato agli eurocodici e alle NTC 2018con una trattazione volutamente semplificata, con poche formule ed evidenziando solo i concetti ritenuti essenziali, ti fornisce le informazioni necessarie per eseguire una corretta analisi di risposta sismica locale.


Si tratta della Prima Edizione, uscita lo scorso gennaio 2019! Consta di 240 pagine in cui si parla innanzitutto della pericolosità sismica del territorio italiano valutato sotto l’aspetto normativo.

 

Inoltre, attraverso l’uso di mappe interattive, utili per avere un quadro delle aree più pericolose in Italia, si valutano i contributi dei differenti scenari sismici delle sorgenti sismogenetiche.


Clicca qui per sfogliare gratuitamente l’anteprima online e continua a seguirci sul Magazine per rimanere sempre aggiornato ! 

 


Torna indietro

I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti attraverso una piattaforma esterna (Disqus). Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy