Software Ponteggi P.V.D. Professional ora anche con metodo di calcolo agli stati limite ultimi

Data: 21/05/2019 / Inserito da: / Categorie: Informazione Tecnica, Progettazione - Strutture / Commenti: 0

I ponteggi metallici fissi, contrariamente a quanto si possa pensare, sono opere provvisionali di una certa rilevanza che accompagnano la costruzione di edifici civili ed industriali ma che sono spesso anche di supporto nelle fasi di demolizione.

 

La regolamentazione e l’utilizzo risale al vecchio D.P.R. 164/56, rimasto spesso disatteso ed inapplicato, ma i cui contenuti risultano ancora oggi assai attuali come riscontrabile dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 intitolato “Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro” che ha sostanzialmente confermato quanto già previsto nel 1956, rafforzando solo alcuni aspetti connessi al rischio di caduta dall’alto.

 

A differenza delle strutture ordinarie, i ponteggi metallici fissi sono opere prefabbricate modulari o standardizzate, che subiscono continui montaggi, smontaggi e trasporti, tanto che lo stesso legislatore, sin dal 1956 ha previsto che commercializzazione ed uso fossero subordinate ad una serie di prove codificate atte a definire i “limiti di impego” ed i “carichi di collasso effettivi”, delle singole membrature, parametri questi riportati nei libretti di uso e manutenzione, che deve essere preventivamente autorizzato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 

L’importanza e la particolarità di tali opere è confermata anche dall’articolo 133 D.Lgs 81/08 (ex art. 32 del D.P.R. 164/56) il quale prevede espressamente che l’eventuale progetto, “deve essere firmato da un ingegnere o architetto abilitato a norma di legge all’esercizio della professione”, e ciò in quanto il ponteggio metallico fisso è una struttura che presenta notevoli criticità statiche legate alla snellezza globale ed a quella delle singole aste, circostanze queste che possono portare al collasso della struttura senza alcun segno premonitore.

 

Un ulteriore importante aspetto è legato alle procedure delle verifiche di stabilità e di sicurezza, in quanto per tali opere non si procede in modo diretto come per le strutture ordinarie in acciaio, ma in modo indiretto risalendo alle verifiche dai carichi di collasso delle singole membrature, e ciò nel pieno rispetto dei limiti di impiego previsti nell’Autorizzazione Ministeriale.

 

In conseguenza, mentre non si riscontrano particolari difficoltà operative e statiche, effettuando un montaggio secondo i dettami dell’Autorizzazione Ministeriale e pertanto rispettando i limiti di impiego ivi previsti per disposizione aste, carichi ancoraggi ecc., nel caso di montaggi con conformi per maggiore altezza, presenza di teloni, maggiori carichi, l’articolo 133 del D.Lgs 81/08 impone testualmente che “calcolo di resistenza e stabilità eseguito secondo le istruzioni approvate nell’autorizzazione ministeriale” nonché nel rispetto dello schema minimo ivi previsto per quanto attiene disposizione di ancoraggi, sistemi di controvento ecc.

 

Per il raggiungimento di tale sostanziale scopo, è di notevole ausilio il software Ponteggi P.V.D. Professional appositamente sviluppato dall’ing. Michele Sanginisi ed edito dalla “Dario Flaccovio Editore” che opera secondo i concetti detti. Esso, oltre allo schema base a tubi e giunti o a telai prefabbricati, consente l’inserimento dei componenti accessori previsti nelle Autorizzazioni Ministeriali quali passi carrai, sbalzi, partenze particolari, ecc. con la facoltà di potere irrobustire la struttura base, con elementi di rinforzo (doppie diagonali, doppi montanti, potenziamento ancoraggi ecc.)

 

Il programma, arrivato alla quinta edizione, è frutto anche dei consigli e dei suggerimenti degli utilizzatori che già da quasi 20 anni lo utilizzano, apprezzandone le qualità, in quanto risponde appieno a tutte le esigenze del caso per quello che riguarda fasi di input calcolo e verifica: il software inoltre opera sia con metodo alle tensioni che con metodo agli stati limite  (S.L.U.) .

 

Esso oltre ad un input grafico di immediata comprensione, è in grado di fornire relazioni esplicative esaurienti in formato .RTF, nonché disegni, particolari, schede tecniche e computo materiali in formato .DXF e/o .BMP, indispensabili alla redazione del progetto da allegare al Pi.M.U.S.

 

Scoprilo in tutte le librerie online e offline, 0ltre che sul nostro sito a un prezzo shock!

Torna indietro

I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti attraverso una piattaforma esterna (Disqus). Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy